Quante cose fa una Pro Loco?

La Pro Loco Cartoceto è stata recentemente citata in un articolo pubblico sul Metauro, con le seguenti parole: “…la Proloco [sic] viene confinata ad una funzione di catering, svolta per altro egregiamente e sempre con entusiasmo”.
Senza entrare nel merito delle altre questioni sollevate nell’articolo (che non sono di nostra pertinenza), il Consiglio Direttivo della Pro Loco vuole tuttavia dare una risposta a quelle poche righe che ci hanno lasciato alquanto basiti e costernati. La risposta si rende necessaria non solo al fine di una più corretta informazione, ma anche per confutare quella che è stata interpretata da molti come una velata accusa – per non dire offesa – non soltanto alla nostra associazione, ma anche a tutti i volontari che ne fanno parte, impegnandosi con passione durante tutto l’anno. Vi è infatti un’ironia intrinseca nelle citate parole, dalle quali parrebbe che la Pro Loco sia, oltre che “limitata” a fornelli e lasagne, anche più che contenta e soddisfatta nell’esserlo.

È doveroso quindi ribadire che l’attività della Pro Loco non si limita alla gestione di stand gastronomici, ma si esprime altresì in un costante impegno culturale, tra cui quello più importante e fondamentale che è la cultura del volontariato, vero punto di forza di un’associazione giunta al 55º anno di vita e protagonista di oltre mezzo secolo di storia trascorso perseguendo sempre il bene della comunità. Un’esperienza generazionale, autentica, che ha sempre posto al centro la figura del volontario spassionato che dedica il suo tempo libero a questa nostra terra del Comune di Cartoceto; volontariato che esprime socialità e solidarietà, svolgendo un ruolo fondamentale di presidio della cultura locale. In questo ambito rientra anche quello che è stato volgarmente definito “servizio di catering”: l’economia del territorio italiano, specialmente nelle realtà rurali come la nostra, è fortemente legata alla tradizione gastronomica, la quale rappresenta un fondamentale elemento di promozione per i visitatori in arrivo da ogni altra parte del mondo. Consapevoli dunque che la cultura si esprime in molte forme diverse, la Pro Loco fa un importante servizio di catering culturale impegnandosi nel promuovere iniziative che sanno fare tesoro anzitutto della nostra tradizione gastronomica. Limitare tuttavia l’attività della Pro Loco a questa sola funzione è colpevolmente sbagliato: vediamo dunque in quai altri servizi di catering è impegnata la nostra associazione.

La Pro Loco svolge anzitutto un ruolo primario nel servizio di accoglienza turistica attraverso la gestione del Punto IAT di Cartoceto durante tutto l’anno: i nostri volontari garantiscono non solo un servizio di informazione costante al turista, ma si rendono gratuitamente disponibili per visite guidate al centro storico del paese, alle chiese, agli uliveti e a quella meraviglia che è il Teatro del Trionfo. Ai visitatori indichiamo inoltre tutte le aziende ed attività locali dove possono recarsi per scoprire i nostri prodotti tipici, nonché tutte le strutture ricettive ove poter dormire o mangiare: un sostegno di non poco conto alle attività economiche del nostro territorio.

L’associazione è poi impegnata nella promozione e valorizzazione dei nostri beni materiali ed immateriali: da oltre un anno è stata lanciata l’iniziativa dei Quaderni di Cartoceto, opuscoli gratuitamente consultabili sul nostro sito ricchi di articoli dedicati al patrimonio artistico, storico, ambientale ed architettonico del nostro territorio; ad essi si collega un’approfondita ricerca storica ed archivista che prosegue tutt’ora, la quale ha permesso di riportare alla luce, dopo secoli di oblio, tante piccole, grandi storie. I Quaderni hanno poi lanciato un altro progetto, quello della creazione di un archivio digitale storico fotografico che si sta sviluppando ed espandendo proprio in queste settimane. Tutta l’attività dei Quaderni di Cartoceto è testimoniata anche attraverso l’omonima pagina Facebook create pochi mesi fa e che invitiamo a seguire.

Non finisce però qui, perché ci sarebbe tanto ancora da elencare:

  • l’appoggio che la segreteria della Pro Loco offre a tutti i cittadini e a molte altre associazioni;
  • il Servizio Civile Nazionale, che ogni anno offre ai giovani del territorio l’opportunità di vivere 12 mesi di volontariato al servizio di Cartoceto, realizzando un’autentica esperienza di vita;
  • il recupero dell’ex-pesa pubblica, ultimo grande progetto del compianto Giuliano Grossi, che è stato finalmente portato a termine grazie alla raccolta fondi promossa assieme agli “Amici di Giuliano”, trasformando – attraverso la generosità di tanti cartocetani e non – un vecchio fabbricato diroccato in un piccolo ed elegante edificio, pronto a diventare punto d’accoglienza ai visitatori;
  • la creazione di un nuovo evento culturale, Cinema&Libri – il Cartoceto, che ha avuto una calorosa accoglienza nella sua prima edizione svoltasi lo scorso ottobre, sfruttando i nostri due poli culturali di maggior potenziale, ossia il Teatro del Trionfo e la Biblioteca Comunale… e tantissime altre iniziative.

    In un momento storico segnato da accentramento dei poli amministrativi e politici, la Pro Loco Cartoceto intende preservare le peculiarità di questa terra, della sua espressività culturale, dei suoi prodotti e della sua comunità. Non per dividere, ma perché nella riscoperta dei luoghi, nella tutela del nostro patrimonio materiale ed immateriale, vi è il vero arricchimento.

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.